1.11.08

Le donne fatte così

Le detesto. Non di meno degli uomini peraltro. Prendi la bignardi. Ieri sera per disperazione ho guardato un pezzetto di invasioni barbariche, pur sapendo che non la tollero. La Bignardi apre con l'intervista alla Polverini, che ora fa chic dirne bene a sinistra, così come per la destra esporsi in favore di Obama.
Peraltro a me la polverini è simpatica.
La Bignardi è peggio di sir Bliss: serpe ipnotizzante che irretisce la preda, pescando a man bassa nel privato e nelle amicizie comuni, in questo caso ricordando gli anni del collegio e le lacrime del rientro la domenica sera, il mio amico Floris mi parla così bene di te. Poi, quando la preda è arrivata lì dove la voleva portare, docile e cedevole, aperta e disponibile ecco che sferra l'attacco velenoso e stronzo.
Ancora non capisco com'è che ancora trovi ospiti.
E che Rai 2 sia pronta a prendersela.

Sent from my BlackBerry® wireless device

7 commenti:

Anonimo ha detto...

perché a me sfugge l'attacco velenoso e stronzo? E' vero che citare l'amico Floris fa un po' troppo circolo di eletti. Ha fatto accapponare la pelle anche a me. Ma la trasmissione mi sembra intelligente e stimolante. La formula face to face, con pochi invitati per volta, poi, evita che tutti si urlino addosso come capita altrove.
Giudizi a parte, non ti stupire che sia pieno di persone disposte a uccidere pur di andare in tv, anche a costo di farsi trattare male. Purché sia in video, tutto.
Ahinoi.

un caro saluto, mandalay.

Artemide_Diana ha detto...

D'accordissimo con te, Elena.

E - ahimè - anche con Anonimo.

elena petulia ha detto...

Quando, dopo le chiacchiere affettuose, parte con i numeri dati da Report: ma non sono i contenuti, e la legittimità della domanda. E' il godimento che prova nel farle e nel cambiare le carte in tavola.

Peter selgin ha detto...

be', temo che quello sia un po' il suo mestiere, roversciare le carte in tavola intendo... meglio lei (che pure non m'e' simpatica) del Fazio in perenne stato di adorazione, no? meglio la serpe velenosa del lecca-lecca al caciocavallo. Che, per inciso, e' riuscito persino a fare una gaffe assurda con Paul Auster, chiedendolgi cosa vede dalla finestra del suo studio newyorkese (che a Fazio, solo a nominarlo "il suo studio newyorkese" gli viene la bava alla bocca) e poi rimanendo deluso e rimproverando l'ospite per avere ricevuto la risposta " un albero ed una scala antincendio" anziche' "un'ansa dell'Hudson dal 34 piano"... ahi ahi povera italietta...

Peter selgin ha detto...

ops, il peter selgin di cui sopra in realta' e' daniela tordi, che appunto scrive dal pc dello scrittore peter selgin da una stanza vista Hudson a NY (tie' Fazio!!!) e quindi ha pubblicato il commento con il di lui account, sorry

elena petulia ha detto...

Che onore! Quando torni in Italia? Che abbiamo cose da fare insieme:-) e poi no, meglio il buonismo di Fazio per le petulie, giuro. Baci tanti

Peter selgin ha detto...

Dovrei attraccare a Fiumicino domani pom., in tempo in tempo per il varo dell'assemblea permanente del personale Alitalia, se ho capito bene... in tempo anche per qualche altro bel pestaggio in chiave nazi, per la privatizzazione degli acquedotti, per le gambizzazioni in Campania etc... mia madre stamattina mi ha aggiornata con voce abbacchiata (ma poi le ho detto che le ho comprato ben due confezioni del magico siero anti-age del dott Perricone - che a Roma costa circa 100 euro e qui 36 dollari... qualcuno sa dirmi perche'?! - s'e' molto rincuorata).
Matite arrotate Petulia, arrotatissime, tranquilla!
Vabbe', qui adesso sono le 10.12, sono in tempo per fare la valigia e poi per andare a curiosare un po' nella Little Italy del Bronx, anche li' sembra che ci sia un mercatino domenicale...
Baciiiii, speriamo che rimettendo i piedi a casa non trovi la pupu' dei gatti anche nelle scarpe, mi giunge voce che nella mia assenza abbiano organizzato fronde eversive a oltranza, sic, che esserrini determinati che son quei 4 li'...