18.3.09

Il lato positivo

E mi immagino sempre un lato del poliedro che ride. Comunque. Nel mio poliedro succede che i giorni si fanno più' sereni (ma sempre con la relativita' di cui Einstein era maestro) ma le notti non ne vogliono sapere. Stanotte olmo che sta male e mi sveglia nel mezzo dell'unico sogno profondo da settimane in cui io, in elegante vestaglia black and beige, assistevo ai test drive di una macchina. Poi lui finalmente dorme, girando nel lettone come lancetta di orologio, e nube attacca con i suoi agguati ai topi, sbattendo, goffa com'e', contro tutto. Dulcis in fundo, bianca che ogni mattina non ne vuole sapere di scendere dal letto oggi si sveglia alle sei e mezza e inizia a preparare la colazione in un concerto di piatti e bicchieri. Ecco. Poi ci credo che.

2 commenti:

stelllare ha detto...

E mi immagino sempre un lato del poliedro che ride

La geometria è sempre stata la mia materia preferita!;o)

Baci

Angelo del fango ha detto...

Ho sempre dormito poco, ma da un pò non riesco nemmeno il minimo sindacale. Ìn compenso sono diventato il preferito degli spacciatori di caffè qui affianco. Se va avanti così chiedo una quota societaria dello spaccio, spenderei meno. Buon pomeriggio