28.4.09

E non scendo dal treno

Zugfuhrer, si chiamano in Germania quelli che noi chiamiamo controllori. (E mentre lo dico mi vengono in mente i racconti di Nintendo sui "controllori" giapponesi, incanto).
Quel libro è un liquido di contrasto. Ce l'ho dentro. Chi mi guarda lo vede.
Sono in viaggio, a guardare la giornata, le mail, le riunioni, tutto dal finestrino.
Un panino al prosciutto e una birra fredda, grazie.
Scartocciando scartoccini. Senza gettare alcun oggetto dal finestrino.

Nessun commento: