24.3.11

Libertà di leggere Franzen

Non ce n'è. Apri un libro di Franzen ed automaticamente lasci entrare sotto la pelle una livrea d'ansia, intera come quella dei serpenti prossimi alla muta.
Trovo pezzi di me in tutti i personaggi.
Più sono insopportabili e più mi ci vedo.
Sono Patty, non cercate neanche di consolarmi perché è così.

1 commento:

ottanta/cento ha detto...

Vabbe', se fai così allora uno se lo va a leggere subito subito