20.4.11

Playlist a fermata

Uso poco i mezzi, ma succede.
E ormai ho capito che ci sono fermate alle quali obbligatoriamente sale un "musicista".
Il fisarmonicista che canta sempre la stessa canzone zigana tra Crocetta e San Nazaro in Brolo.
La ragazza con il nastro registrato che canta (malissimo) Besame mucho tra Missori e Duomo.
Viaggi andata e ritorno, tra due fermate.
Penso al conducente, che chissà se li sente più.

4 commenti:

Anonimo ha detto...

rido.
il conducente due giorni fa alla ragazza con l'amplificatore nello zaino ha urlato "e basta, finiscila,(...improperie...) non stai mica a sanremo!!!"

baci gaba

Damiano ha detto...

> Il fisarmonicista che canta
> sempre la stessa canzone zigana
> tra Crocetta e San Nazaro in
> Brolo.

Ma cavoli, in prima battuta avevo letto che il "farmacista" cantava sempre la medesima canzone tra Crocetta e San Nazaro.
E siccome in quel tratto v'è la storica farmacia Foglia, che pure ha intorno all'insegna i tondi coi bassorilievi in marmo del Malpighi, del Golgi, del Vesalio, del Paracelso e così via, ecco che allora proprio non mi capacitavo.
Invece era il fisarmonicista con la fisarmonica (di Stradella).
Tra l'altro, lo so che bisogna aver pazienza, però quelli che suonano in metropolitana son più le volte che mi fanno due cocomeri così che altro...

elena petulia ha detto...

Rido anch'io gabri. Com'è che siamo così vicine e non ci si vede mai??

Damiano: è così. Poi a me dirgli no con i soldi è sempre un dolore.

ottanta/cento ha detto...

@ elena
E tu non dirgli no. Che fa anche un po' Lucio Battisti