7.2.10

Al casello dei sogni

L'upbdm mi racconta il suo viaggio, iscritto ad una gara sportiva che lo vede impegnato a raggiungere a nuoto Genova dal mare, risalire il fiume (quello che ha letto nel mio blog) e poi scalare la montagna più' alta della citta'. Poi notte di riposo e il giorno dopo Trentino, di cosa fino sulla vetta della Marmolada.
"Mi stavo chiedendo come raggiungere il largo davanti a Genova per partire. La roba dove la mettevo?" Mi dice serio, con una ruota ancora nel sogno.
Io invece arrivavo dall'altra autostrada: mia sorella ci aveva regalato la sua casa (ancora più grande di quella vera), ultimo piano e finestre e terrazze ovunque. C'era un topolino che nessuno riusciva a prendere e pensavo: va beh addomestichiamolo. E poi la casa, che all'inizio mi lasciava tiepida, mi conquistava e pensavo che volevo stare li' per sempre. E mandavo via tutti - ufficio, riunioni, atleti in partenza per una maratona- (tranne famiglia e nipotine rosa) e facevo il pane.
Stamattina la nebbia e' come essere ancora li'.
Le mail ti raggiungono ovunque con BlackBerry® from Vodafone!

1 commento:

Arimortis ha detto...

addomestichiamolo é la parola chiave.